giovedì 29 gennaio 2015

Femminicidio e Femminilicidio®: molto più di un gioco verbale






 Femminicidio e Femminilicidio
scarica pdf articolo






Femminicidio e Femminilicidio®: molto più di un gioco verbale 

A causa del reiterarsi di atti di violenza sulle donne - dai maltrattamenti, allo stalking, allo stupro, fino all’uccisione - è stato coniato un termine forte, femminicidio, neologismo di origine inglese che identifica la violenza estrema come “delitto di genere” in quanto commesso contro la donna   “in quanto donna”, secondo la definizione dell’antropologa M. Lagarde.
Il  termine ha sottolineato  e sancito  la gravità della violazione dei diritti delle donne,  facendolo  riconoscere nel diritto umanitario  internazionale;  focalizzando anche linguisticamente l’attenzione sul problema,   ha favorito il passaggio  dalla denuncia sociale al riconoscimento giuridico.
La violenza diversificata sulle donne e il femminicidio sono fenomeni tragicamente estesi a livello planetario. Solo in Europa si contano migliaia di casi, e così in  Italia, dove nell’ultimo decennio la media delle uccisioni è  stata molto alta. Ciò che rende il fenomeno ancor più raccapricciante è il suo verificarsi  in un  contesto familiare o affettivo, e l’età delle donne,  tra i 25 e i 54 anni. L’omicida è spesso un familiare stretto,  coniuge, partner o  ex partner,  che agisce alla fine di un rapporto sentimentale, o in tempi di poco  successivi.  
E se di estrema  gravità è la situazione femminile in culture  “lontane”, accomunate da fanatismi  politici e religiosi, regimi dittatoriali, rigore  autoritario,  dove la padronanza dell’uomo sulla donna è assoluta e il diritto di vita o di morte è addirittura sancito dalla legge - non possiamo  poi non sbalordire di fronte al  paradosso di un Occidente in cui la persistenza del problema  risulta ancora più grave e preoccupante,  proprio per il contrasto  tra il preteso livello culturale  e civile e la triste realtà ... Essì,  perchè  il fenomeno è esteso a  paesi della cui “civiltà” non dovremmo dubitare, come Francia, Regno Unito,  Germania, Italia e .. Stati Uniti d’America!

Basilicata
Purtroppo la nostra regione  non  è esente dalla violenza  di genere:  vanta  anzi  un triste primato, quello dell’ampia nomea di alcune delle  vicende più tragiche, come quella di Elisa Claps, nota a livello  internazionale. La studentessa 16enne scomparve nel ‘93, e  solo 17 anni dopo se ne scoprirono i  resti nel sottotetto di una chiesa a Potenza. Per l'omicidio è stato condannato a 30 anni di reclusione Danilo Restivo,  ma le indagini continuano, per i dubbi  degli investigatori su presunti silenzi nell'ambiente ecclesiastico locale.
Il caso più  datato e  irrisolto è quello di  Ottavia De Luise, una bambina di 12 anni, sparita  nel nulla nel ‘75 a  Montemurro.  A quel tempo  non vennero attivate  neppure delle vere indagini,  e si parlò addirittura della piccola come di  “una poco di buono”. Nessuno fu indagato, nessun magistrato si occupò della scomparsa, fino all'archiviazione del caso.
C’è poi un delitto annunciato ma  non impedito. Anna Rosa Fontana, 38 anni, materana,  già assalita dal “suo uomo” nel 2005, sopravvissuta a 15 coltellate,  non venne protetta da un 2° attacco dell’ex-convivente, che,  rilasciato  dopo soli 2 anni - seguiti  da molestie, minacce, vane denunce - la  uccise nel 2010. Nemmeno la  legge sullo stalking  riuscì a fermare la mano assassina dell’uomo, condannato  poi a 30 anni.
Nel 2009, fu una ragazza di 18 anni di Potenza,  Grazia Gioviale, ad essere  trucidata durante un litigio per motivi di gelosia dall’uomo con cui aveva una relazione, e che in seguito si suicidava.












Alla ricerca di soluzioni  
Si invocano leggi più severe,  provvedimenti atti a proteggere la donna, codici rosa …Tutto questo è  indispensabile,  almeno per  affrontare la situazione presente, per arginare la piena dell’orrore: tuttavia, nulla di tutto ciò  è sufficiente per  una soluzione  definitiva, e neanche delle leggi molto più punitive riuscirebbero  a risolvere un  problema  di planetaria tragicità.

Ci dobbiamo rendere conto che  occorre  un mutamento culturale, un cambio radicale della mentalità comune!
Proviamo a partire  da   una breve riflessione sulle motivazioni  che “portano” al  femminicidio. Cosa c’è alla base di quest’odio, di questa violenza, se non  il desiderio - da parte di  un maschile  profondamente malato - di avere il  possesso, il controllo sulla donna?
In verità, ciò  è avvenuto in tutto il tempo storico, ed ancor oggi una cultura  non sufficientemente equilibrata produce uomini facili alla paranoia, non disposti a  dare rispetto  né protezione, né  a capire il vero significato dell’Amore, che mai può essere potere, costrizione,  uso della forza, desiderio di annientamento di un altro essere.. compresi se stessi e  gli stessi figli, spesso  coinvolti nella follia distruttiva.
Ma  c’è di peggio: ci rendiamo conto che  la violenza non si dirige “solo” contro la donna, ma è sempre più un attacco generalizzato  contro il  Principio della Vita,  di cui il femminile  è portatore!
Invece di onorare il Valore  che ciascuna creatura femminile  condivide,  e da cui dipende il  futuro di ogni specie vivente, nel 3° millennio   si abusa della donna e del suo corpo con la stessa feroce noncuranza con cui di abusa dell’habitat. Lo stupro della donna  e quello della terra  avvengono in contemporanea. Queste considerazioni  mi hanno  spinto a coniare  un termine ancora più complesso rispetto a femminicidio,  inclusivo  di quella terribile doppia violenza:   il FEMMINILICIDIO®: esso ci fa capire che è  in gioco  la sopravvivenza stessa del genere umano e del pianeta vivente.
Non si tratta di un gioco linguistico, dal momento che il termine dichiara l’attentato di una parte insana del genere umano a sé stesso: distruggendo la femmina che  porta nel suo ventre le generazioni,  le nutre e se ne prende cura da secoli;  distruggendo  l’ambiente in cui vive  e che gli permette di vivere, di respirare, dissetarsi,  nutrirsi,  e di godere della bellezza, se lasciato intatto e incontaminato.
Paradossalmente, quello stesso principio necrofilo, basato sulla    pratica costante e mitizzata della guerra   e della  violenza, dopo aver dominato  per  i circa 6.000 anni storici,  oggi sembra essersi concentrato  in una sorta di  mostruosa cristallizzazione  -  continuando a generare  ancora  guerre,  corruzione politica  e sociale,   un’economia malata,   e  l’agghiacciante  distruzione del pianeta.
  
Un tragico presente,  un passato esemplare  



L’antica civiltà minoica, una cultura della pace e dell’armonia
Se “la storia” c’insegna che la guerra e la violenza sono esistite da sempre,  che sono connaturate al genere umano, che possiamo fare?
La gravità della situazione ci porta a chiederci se ciò sia vero, o se non siano esistiti modi  di vivere meno deleteri,  che possano essere d’esempio  per  un mondo in  cui la pace, il rispetto e la cura della vita siano predominanti,   offrendo una  speranza a noi umani di oggi.
Proviamo a dare uno sguardo al passato più remoto, pre-istorico, poco o niente segnalato dalla storia ufficiale! Scopriremo  che  nell’Antica Europa, all’incirca tra il 7000 a.c e il 3-2500 a.c,  la società era  organizzata sulla base di valori egualitari tra uomini e donne (gilania), e solo in un secondo tempo – si parla di molti millenni -  una serie di ondate migratorie proveniente dal sud della Russia, ad opera di popoli indoeuropei chiamati Kurgan, imposero un modello androcratico e autoritario (il patriarcato).
Fu la meritoria studiosa Marija Gimbutas  a scoprire con i suoi ritrovamenti archeologici  le prove concrete di una modalità pacifica alle origini dell’umanità: "Tale cultura trasse intenso piacere dalle meraviglie naturali di questo mondo. La sua gente non produsse armi letali, né costruì forti in luoghi inaccessibili - come avrebbero fatto i successori - neppure quando conobbe la metallurgia. Eresse invece magnifiche tombe-santuari, templi, case confortevoli in villaggi di modeste dimensioni e creò superbe ceramiche e sculture. Fu questo un periodo di notevole creatività e stabilità, un'età libera da conflitto". 1)
La sua rivoluzionaria scoperta distrugge la tesi dell’esistenza ab origine della  guerra e della violenza come connaturate all’essere umano.
Anche la civiltà minoica  possedeva tali caratteristiche,  ed in tutte le  più antiche e misconosciute civiltà matrilineari le donne erano rispettate e divinizzate, proprio perché incarnavano  quel principio della Vita  che permetteva al genere umano di perpetuarsi: ed era il neolitico!                                                                                                                                            “Nelle  splendide immagini degli affreschi  della civiltà cretese sopravvissuti ai cataclismi che ne determinarono la scomparsa, è possibile vedere chiaramente  quanto elevata  fosse la considerazione delle donne: sacerdotesse, tessitrici, creatrici di alta moda, alla guida di carri e  capaci persino di toreare insieme ai maschi, in  modo incruento, nel gioco della taurocapsia  … Oggetto di rispetto come  rappresentanti in terra della divinità, esse potevano andare in giro in topless, mostrando il loro seno e l’ombelico come segni di bellezza e fecondità, e come tali,  intoccabili da violenza e sopraffazione, dal momento che il loro corpo era considerato sacro”. 2)
Di fronte alle prove dell’esistenza di civiltà  che si espandevano   in bellezza e pace, come nei ritrovamenti dell’Antica Europa e nelle immagini mitologiche di Creta, c’è il riconoscimento  del Principio della vita, del Valore femminile e della nostra unità con la Terra: tutto ciò a cui dobbiamo  fare ritorno  per la sopravvivenza ecologica e dell’umanità, e   per cancellare definitivamente  dal nostro vocabolario termini come femminicidio e femminilicidio.
Teri Volini, Artista biofila, operatrice culturale, presidente Centro d’Arte e Cultura Delta di Potenza
Nota 1) Marija Gimbutas,  Il Linguaggio della Dea, Longanesi,1989
Nota 2) Teri Volini, Il modo di vestire delle nostre antenate. Delta Edizioni, 1996




martedì 27 gennaio 2015

Il popolo dei baccelli, fantascienza o realtà?




 


Il popolo dei baccelli
fantascienza o realtà? 

Tempo fa rimasi colpita da un film di Don Siegel del 1956, tratto dal romanzo  di J. Finney, Invasion of the Body Snatchers, di cui rilevai subito l’analisi di un’umanità schiava di un frainteso senso della modernità e del progresso, e da cui trassi spunto per riflettere sulla fatidica domanda: siamo una società in trasformazione o  in estinzione?  
In italianoL'invasione degli ultracorpi” , è  letteralmente “scippatori di corpi”.  Il regista dichiarò che era sua intenzione  "attaccare un'abulica concezione della vita" ed è l'aspetto che mi ha maggiormente interessato.
Una cittadina americana è invasa da  esseri  alieni, che si sostituiscono durante il sonno agli abitanti,  replicandosi  all'interno di enormi baccelli, che crescono finché creano copie di umani senza sentimenti né responsabilità, ed eliminano gli originali. La città diventa centro di smistamento dei baccelli: gli abitanti vengono tutti replicati..  Compreso ciò che sta accadendo, il dott. Bennel cerca di allertare la gente , ma nessuno lo ascolta, viene anzi prima sequestrato, poi arrestato,  infine trattato da pazzo...          
A parte il valore intrinseco nel settore fantascienza, che ne ha fatto  un “cult” tuttora apprezzato, ne sottolineo l’attinenza con la situazione sociale odierna, di cui il  film  - quasi sessantenne e in bianco e nero, sembra anticipare la  nostra difficile realtà. 

Tranquillità o sonno mortale?
Usando l'invasione aliena come metafora  di un’umanità a rischio, il film rappresenta con  efficacia un mondo lobotomizzato, dove ci vogliono “tranquilli”, "dormienti",  il cervello spento.
Possiamo vedere ciò in diverse
situazioni e comportamenti  odierni,  in completo contrasto con lo sbandierato progresso che dovrebbe caratterizzare l'umanità del 3°millennio.        
Il processo  di “disumanizzazione avviene senza nemmeno l'intervento di forze aliene: infatti  gli umani provvedono ad operare  da  sé le trasformazioni in negativo, o c'è chi  li “aiuta” a farlo, con un’adeguata  pianificazione “culturale”, in modalità diretta o subliminale.
Ingabbiato nell'omologazione e nel conformismo, l'essere umano del 21º secolo non si accorge di rinunciare alle sue peculiarità più preziose: "cade nel sonno",  indotto a farlo o ancor peggio lasciandosi pervadere da esso,  perdendo la capacità di comprendere se stesso, le situazioni, le problematiche da risolvere, e di optare per  scelte sagge.
Forse  - ipotizza il  film -   un mondo privo di sentimenti,  consapevolezze e responsabilità  renderebbe la vita più facile a tutti/e?   Certo  è che molti - troppi - praticano tale modalità,  non rendendosi conto che una simile "tranquillità"  è molto pericolosa  e di sicuro non rende la  vita degna di essere vissuta:  porta alla perdita di sé, della propria anima..
Una visione egotica e superficiale, quando non solo la nostra esistenza conta, ma  quella di tutti/e,   e di coloro che verranno dopo di  noi,  ai quali non possiamo lasciare i risultati della nostra incoscienza, come stiamo facendo da fin troppo tempo!

Figli dei Baccelli?
Nel film, la scena degli automobilisti sull'autostrada,  indifferenti alla disperazione del dott. Bennel che li avvisa del pericolo, oltre ad essere metafora del cinico conformismo  della nostra società,  mostra che il vero rischio -  più che negli alieni -  risiede proprio in noi stessi:
 "Molte persone perdono la propria umanità poco a poco,  non dalla sera alla mattina. Ma la differenza è irrilevante."

Esempi recenti di "appartenenza" al popolo dei baccelli, le spudorate  dichiarazioni di esponenti politici, sui timori generati dalle trivellazioni petrolifere: dalla  mucca che "inquina più di un pozzo di petrolio" - parola di assessore -  alla innocuità del tubo per l'estrazione petrolifera "così piccolo  che non può fare del male" - parola di ex-governatore - fino al consigliere regionale per cui il problema - nella tanto martoriata  terra di Basilicata - non è tanto la minore aspettativa di vita o di salute causa inquinamento, quanto piuttosto “che si viva troppo a lungo” .   Razzi  fa scuola..                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    
Stanno nel Baccello  - o ne sono appena usciti - anche coloro che mettono   sullo stesso piano ciò che è inconsistente  con ciò che è fondamentale;  che - normali in apparenza - sono in realtà “intontiti  e contenti di esserlo. Sono figli dei baccelli coloro che  pensano solo  a sé  e al loro piccolo mondo,  limitandosi alla routine quotidiana, senza nemmeno chiedersi se stanno o meno facendo la cosa giusta; che non mettono mai in dubbio pensieri o azioni, né si domandano quali abitudini  cambiare  per non danneggiare ulteriormente l'habitat,  se stessi e gli altri .
Antidoti   alla Sindrome del Baccello        
L'unica salvezza dalla contaminazione  è dunque "rimanere svegli”,  evitando  che la crisi globale diventi irreparabile..  L’antidoto alla disumanizzazione è la consapevolezza, un'informazione completa e attendibile e  il coraggio di contribuire  al cambiamento di rotta, cominciando con la  scelta oculata di chi deve rappresentarci nella res publica, e decidere al meglio ciò che conta  per la  vita nostra e delle future generazioni.

La Riconversione generale dei nostri stili di vita è improrogabile :  non profitto ad ogni costo, ma rispetto per la terra; non la  mistificazione populista  "lavoro a tutti i costi”, ma  il sacrosanto binomio lavoro/salute.  Come? Ad esempio, cambiando tipologia di occupazione,  riattivando l'agricoltura,  ripristinando  i terreni usurati dal metodo intensivo e dall'uso di chimici e pesticidi; lo stesso per gli altri ambiti, tutti da rendere sostenibili, congedando  lo sfrenato consumismo e gli sprechi, specie dei materiali che rubano le risorse della terra, già messa a dura prova!
Sull'energia: attivando  con determinazione la libera  ricerca di  fonti veramente sostenibili,  non   più rallentata  o impedita  dalla logica del profitto spinto,  ma secondo il Bene Comune..  Insomma, un comportamento  Etico. Altrimenti, i veri "alieni" saremo noi! 
 
Prof. Teri Volini, artista biofila
Presidente  Centro d’Arte e Cultura Delta di Potenza 






                                                                                     
                                                                                                                                                                                                                                                                                      

                                                                           

venerdì 9 gennaio 2015

IO SONO FRANCESE (ma non solo)

A seguito dei fatti  di terrorismo a Parigi 
per manifestare il mio dispiacere per le vittime di tanta follia 
dichiaro la mia identità francese




Allo stesso tempo, invoco una presa di coscienza che possa attenuare le inutili rabbie e gli sciacallaggi sempre in agguato, ricordando la pericolosità di tali atteggiamenti e invitando invece ad attivare importanti riflessioni a più ampio raggio,  che portino il più possibile a "capire " pienamente  ciò che accade, tenendo come punto di partenza l'attenuazione /eliminazione di pregiudizi,  razzismi etc.

Oltre a commemorare il Danno, è  di seguito  indispensabile conoscere le situazioni critiche o drammatiche di tanti paesi e popolazioni nel mondo ed anche le innumerevoli responsabilità  di  ciascun popolo,  quindi le nostre,  spesso dimenticate o nascoste.

Per inziare una riflessione proficua, che vada oltre la cieca rabbia- che non s'addice all'essere umano, pena  conseguenze ancor più disastrose-  una riflessione che contribuisca a "pensare pace",  
mi servo dell'esplorazione dell'Opera Dichiarazione d'Identità,
 
e dell' opera figlia 
Estrapolazione d’Identità,
estrapolando di volta in volta dalle 220 carte che  compongono la prima, quella relativa alla nazionalità del personaggio o del popolo cui si rivolge la mia attenzione, in concomitanza con eventi che ne sottolineano l'attualità, a volte estremamente tragica, come in questo caso.

In piena coerenza con la pratica di un'Arte strettamente connessa alla vita,  affermo che l'arte - grazie al suo potente linguaggio - può efficacemente contribuire alla presa di coscienza personale e sociale delle problematiche più comuni ed urgenti

L'Arte che predilige l'impegno nel sociale è un prezioso strumento per osservare più acutamente la realtà e contribuire a migliorarla





DICHIARAZIONE  D’IDENTITÀ,  essere  Uno con tutti i popoli della terra

A living sculpture, Installazione - Azione Simbolica in Social Art,  Public Art, Urban Art,  Body Art, Arte Coinvolgente
La carta d’identità dell'artista, ingrandita e moltiplicata per il numero di nazioni ufficialmente riconosciute - più alcune popolazioni ed etnie non ancora riconosciute e/o oggetto di sopraffazioni cancellazioni o conflitti - prospetta un'ideale sintonia fra tutti i popoli della terra, auspicando per essi rispetto e riconoscimento nel superamento di lotte e pregiudizi.






Background  dell'opera  work in progress:

Le prime "dichiarazioni d'identità" risalgono all'inizio del 3° millennio:

Dichiarazione d'Identità Afgana
Dichiarazione d'Identità Algerina 2001


(in contemporanea con l'Azione  simbolica RiVel Azione)

Dichiarazione d'Identità Israeliana e Palestinese  2002
Dichiarazione d'Identità  Tibetana 2003 inn concomitanzacon la Grande Installazione L’Apertura delcuore a Livigno  
 





2004  Grande Installazione Festival Interetnico di Fondi  - luglio 2004 - Lazio



Grande Installazione -  Supino –  agosto2004 - Lazio



2005  Installazione simbolica con una sola carta - a causa di omissis -




2010  Grande Installazione a Potenza http://www.terivolini.it/html/dichiarazione_id2010.html




2014 Mostra-  Mostra installazione  Brasilicata  Tour –Scambi Culturali  tra Brasile e Basilicata  - Chauta - Chauta - Atella  ALBUM FB https://www.facebook.com/teri.volini/media_set?set=a.814231498598259.1073741839.100000342495094&type=1&notif_t=like



Piemonte – Torino-3 ottobre

Biblioteca Civica "Primo Levi" Terzo Convegno di Toponomastica-

Installazione DICHIARAZIONE D'IDENTITÀ. Convegno immigrazione – presentata da Giulia Basile http://terivolini.blogspot.it/2014/10/esposizione-delloriginale-opera-di-teri.html





Opera figlia: Estrapolazioni d’Identità




Estrapolazioni

SU BLOG :




2010 


http://terivolini.blogspot.it/2010/08/estrapolazioni-didentita.html



CINESE http://terivolini.blogspot.it/2010/10/estrapolazione-didentita-cinese.html


BIRMANAhttp://terivolini.blogspot.it/2011/01/estrapolazione-didentita-birmana.html



2010
BRITANNICA 
http://terivolini.blogspot.it/2010/12/estrapolazione-didentita-britannica.html


ROM







 2011



TIBETANA –  MARCIA MONDIALE ROMA SOCIETA' LIBERA
http://terivolini.blogspot.it/2011/10/immagini-partecipazione-alla-marcia.html



LIBICA









2015 


IO SONO FRANCESE  (ma non solo) 9-1-15